Alimentazione del gatto: consigli per una dieta sana ed equilibrata

pubblicato in: Animali domestici | 0

Dopo aver parlato della giusta alimentazione del cane, o meglio, come scegliere quella migliore, la stessa domanda bisogna porsela quando si decide di adottare un gatto: cosa deve mangiare?

Il gatto è un carnivoro, e come tale la quota proteica di una corretta alimentazione deve coprire la quota predominante (attenzione quindi quando cani e mici convivono: bisogna evitare che i primi possano accedere alle ciotole dei secondi, così come gli stessi proprietari non devono somministrare cibo per gatti ai propri cani: un carico di proteine a questi ultimi non va assolutamente bene; allo stesso modo non bisogna dare al gatto il mangime per cani in quanto potrebbe andare incontro a carenze).

Dieta casalinga o commerciale?

Anche per loro si può optare per la dieta casalinga, purchè sia correttamente bilanciata (e per questo potete farvi ben consigliare dal vostro veterinario). Evitate di somministrargli carne cruda, è infatti sempre importante almeno scottarla per non incorrere nel rischio di contrarre patologie anche particolarmente gravi. Attenzione alla presenza di ossicini o lische che se ingerite potrebbero causare danni seri all’apparato gastro-enterico. Evitate gli insaccati, anche se il vostro gatto potrebbe esserne ghiotto, in quanto contengono troppo sale e aromi che per lui non sono assolutamente salutari; idem per alimenti o condimenti particolarmente elaborati (come potrebbero essere gli scarti dei nostri pranzi e cene). Molte persone inoltre hanno la convinzione che il latte faccia bene ai gatti: bhè, si tratta di un mito da sfatare, in quanto spesso questo alimento può essere persino causa di diarrea. Come per il cane, un no tassativo ai dolci, soprattutto il cioccolato che risulta essere tossico per gli animali.
Se invece preferite ricorrere ad una alimentazione di tipo commerciale, ormai in tutti i supermercati o nei negozi per animali potete trovare tutto quello che cercate: cibo in scatola, croccantini, patè, mousse…insomma, c’è veramente da sbizzarrirsi. Attenzione però alla qualità in quanto non tutti i prodotti sono uguali, e non sempre gli alimenti più appetibili sono anche i più salutari (anzi, spesso quelli di scarsa qualità contengono sostanze che tendono a renderli più gustosi); leggete quindi bene le etichette, facendo attenzione agli ingredienti ed alla possibile presenza di coloranti e conservanti (insomma, importante metterci la stessa accortezza che usiamo quando dobbiamo scegliere degli alimenti destinati a noi esseri umani).

Alimenti medicati: cosa sono

In commercio inoltre, oltre a cibi di ogni gusto e sapore (a base di pesce o di carne, e tra le diverse carni quelle di manzo, pollo, tacchino, coniglio…insomma, la scelta è infinita) ci sono i cosiddetti alimenti medicati, quelli destinati a specifiche soggetti: gatti junior (fino all’anno d’età), senior, quelli con problemi di calcoli renali o di renella (e diversi in base alla natura dei calcoli), quelli con problemi epatici o gastroenterici, gatti obesi o che ingurgitano pelo, quelli che soffrono di allergie o intolleranze alimentari, ecc ecc; insomma, ormai anche l’industria mangimistica sta al passo con la medicina, per soddisfare al meglio tutte le esigenze dei nostri pets.

Importante lasciare sempre a disposizione la ciotola con acqua fresca (a temperatura ambiente, mai appena tolta dal frigorifero).

Alimentazione del gatto: cosa è importante sapere

Solitamente il gatto è un animale accorto e abbastanza schizzinoso, sta particolarmente attento a ciò che mette in bocca; ma anche questo è un istinto che nel corso dei decenni è andato via via attenuandosi; caratterizzava principalmente gli animali che vivevano (e che vivono) all’aperto, difficilmente questi andavano incontro ad intossicazioni per aver ingerito alimenti nocivi per loro. Oggi invece il gatto domestico tende a mangiare un po’ di tutto, ma allo stesso tempo ha anche la tendenza a diventare particolarmente esigente, difficile, è facile che mangi una cosa ma che si rifiuti di mangiarne un’altra; e la responsabilità di questo suo comportamento è essenzialmente di noi proprietari che tendiamo a viziarlo anche prendendolo per la gola. Attenzione a non lasciare alimenti incustoditi per casa, soprattutto se destinati a voi: potreste non trovarli più (ricordiamo che i gatti hanno la capacità di arrivare dappertutto, soprattutto se sono particolarmente affamati).

Infine, quante volte deve mangiare al giorno? Il gatto solitamente stuzzica più volte durante la giornata, quindi si potrebbe lasciare la ciotola sempre a disposizione permettendogli di regolarsi da sé; c’è però il rischio che l’alimento si deteriori facilmente (a meno che non siano croccantini), specialmente in estate, quindi la soluzione migliore sarebbe quella di somministrare l’alimento in piccole dosi più volte al giorno. La stessa cosa quando il gatto tende invece a strafogarsi, mangiando tutto insieme e velocemente. Importante infine non farsi impietosire dai continui miagolii del micio che elemosina cibo: questa specie va incontro facilmente ad obesità, possibile causa di ulteriori patologie.

Buona leccata di baffi miei amici gatti!!!

LEGGI ANCHE:

Alimentazione del cane: consigli per una dieta sana ed equilibrata

Segui Pat:

Veterinaria blogger

La laurea in medicina veterinaria è stata la realizzazione del sogno di bambina. Amo la natura e tutto ciò che ci tiene a contatto con la terra e l'universo, e probabilmente questo ha alimentato il mio interesse per la medicina naturale, soprattutto per l'agopuntura in cui ho conseguito un diploma post-laurea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.