Dolori articolari: sintomi e terapia (anche naturale)

pubblicato in: Animali domestici | 0

I dolori articolari legati a processi infiammatori o degenerativi, sia in oggetti giovani che in adulti ed anziani (in questi ultimi legati anche all’età) non sono così rari tra i nostri amici a quattro zampe; inoltre nella stagione fredda, con le basse temperature e l’umidità, i sintomi si accentuano.

Vediamo insieme come poter aiutare i nostri amici pelosi.

Dolori articolari e sintomi

La manifestazione più evidente di una sofferenza articolare è la zoppia: l’animale comincia a deambulare con difficoltà, a far fatica a salire o scendere le scale, tende alla sedentarietà; in contemporanea potrebbe anche guaire/miagolare e potrebbe essere restio al contatto fisico (per paura di essere toccati e sentire dolore, i nostri amici potrebbero reagire negativamente, quindi è consigliabile avvicinarsi sempre con calma, senza tastate con forza la parte del corpo che potrebbe essere dolente (neanche per verificare che sia quella la interessata).
Naturalmente i sintomi saranno più o meno evidenti in base all’intensità del dolore.

Visita dal veterinario e terapia

Ovviamente solo un medico veterinario può fare una precisa diagnosi: oltre a raccogliere l’anamnesi ed effettuare un’accurata visita, potrebbe suggerire il parere di un collega specialista ortopedico.
Solitamente si ricorre sempre prima ad un primo intervento terapeutico a base di antiinfiammatori non steroidei (FANS) per cercare di far regredire la sintomatologia; possono essere associati anche degli integratori o alimenti medicamentosi che contengono ingredienti benefici a livello delle strutture ossee/tendinee/legamentose, soprattutto nelle forme croniche o nei soggetti anziani.

Dolori articolari e terapia naturale

Purtroppo la somministrazione di antinfiammatori, soprattutto se prolungata, può comportare degli effetti collaterali, in primis a carico dell’apparato digerente (infatti insieme ai FANS vengono sempre prescritti dei gastroprotettori).

Ed ecco che anche la natura può essere d’aiuto: tra i diversi rimedi troviamo infatti l’artiglio del diavolo, la boswellia e l’arnica, tutti con un’azione antinfiammatoria e antidolorifica; l’equiseto svolge invece un’azione rimineralizzante, rallentando quindi i processi degenerativi a livello osseo/articolare.

Un’integrazione con vitamina B e minerali può essere molto utile, aiuterebbe infatti a conservare sani i tessuti ossei

Dall’omotossicologia abbiamo lo Zeel T o altri rimedi specifici, da somministrare sotto forma di compresse oppure inoculati direttamente a livello dell’articolazione interessata.

Molto efficaci sono anche la fisioterapia o i massaggi (lo shiatzu aiuta ad esempio il soggetto a rilassarsi, ma al tempo stesso svolge un’azione benefica a livello dell’apparato osteo-articolare/muscolare ed anche circolatorio). Non è da escludere l’agopuntura (benefica anche sugli animali), abbinata ad esempio alla moxicombustione, molto utile soprattutto nella stagione fredda e umida; a livello degli agopunti possono essere inoculati gli stessi prodotti omotossicologici sopra citati.

Accortezze

Anche se i nostri amici pelosi potrebbero essere riluttanti a riguardo, è importante garantire un minimo di movimento, ovviamente sempre in base alle capacità dell’animale: non bisogna quindi abolire le passeggiate, ma eventualmente ridurne la durata. Sono da evitare invece le corse.

Se il problema è a livello cervicale, i nostri pelosi potrebbero trovare giovamento sollevando da terra la ciotola della pappa in modo da non doversi chinare.

É importante anche controllare il peso, infatti l’obesità può solamente peggiorare la situazione (discorso che vale anche come prevenzione).

LEGGI ANCHE:
Autunno e primi malanni di stagione: prevenzione e cura con i rimedi naturali

Segui Pat:

Veterinaria blogger

La laurea in medicina veterinaria è stata la realizzazione del sogno di bambina. Amo la natura e tutto ciò che ci tiene a contatto con la terra e l'universo, e probabilmente questo ha alimentato il mio interesse per la medicina naturale, soprattutto per l'agopuntura in cui ho conseguito un diploma post-laurea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.