Cosa fare a Torino quando piove: 6 posti al chiuso

Cosa fare a Torino quando piove: 6 posti al chiuso

postato in: #quandopiove, Italia, Piemonte, Rubriche | 0

Siete a Torino sotto la pioggia e avete bisogno di qualche buona idea per trascorrere il tempo? Ecco i miei consigli su cosa fare a Torino quando piove. Ho scelto 6 posti – in verità sono un tantino di più! – al chiuso dove potrete trascorrere ore piacevoli (se non giornate), senza pericolo di bagnarvi, con la possibilità di scoprire lati nascosti di questa elegante città!

Camminare sotto i portici

torino-portici

Non c’è niente di più romantico e rilassante che passeggiare sotto i portici di Torino. Ampi, eleganti, pieni di negozi: i portici di questa città permettono di camminare per ore senza bagnarsi, riparati dalla loro ala protettrice. Entrate da piazza san Felice, vicino alla stazione e proseguite fino a piazza san Carlo e poi verso piazza Castello. Da qui si continua con via Po e poi piazza Vittorio. In un attimo ci si ritrova davanti al Ponte Vittorio Emanuele!

… o nelle gallerie coperte

Altro giro, altra corsa. Dopo aver passeggiato sotto i portici, magari la pioggia non è ancora finita, che ne dici di un giro nelle gallerie coperte? Le gallerie torinesi sono dei veri e propri passaggi tra i palazzi, interamente coperte dal vetro che lascia intravedere la luce fuori. Riccamente decorate da una curiosa architettura ricordano i passages francesi.
Ti piacerebbe vedere con i tuoi occhi di cosa si tratta? Via allora verso la Galleria Subalpina tra piazza Castello e via Cesare Battisti, la Galleria Umberto I tra via della Basilica e piazza della Repubblica e la Galleria San Federico da dove potrete accedere da via Roma, via Bertola e via Santa Teresa.

Brindare con il bicerin

Per la mia seconda volta a Torino ero decisa: non sarei ripartita senza aver assaggiato il bicerin, la storica bevanda piemontese a base di caffè, cioccolato e crema di latte. Piaceva così tanto al conte Camillo Benso di Cavour e allo scrittore Dumas che doveva piacere – per forza? – anche a me.

E invece… diciamo che non è andata secondo i miei piani, ma è semplicemente questione di gusti! Per questo vi consiglio di brindare con il bicerin – almeno una volta nella vita, anche se a me non è piaciuto moltissimo. Sicuramente ritrovarsi in una caffetteria torinese, a bere bicerin e chiacchierare con gli amici, o semplicemente leggere un libro da soli, rappresenta un ottimo modo per trascorrere il tempo quando fuori piove.

Per bere un buon bicerin vi consiglio uno dei sei migliori posti proposti da guidatorino.comCaffè Confetteria Al Bicerin in piazza della Consolata, dove leggenda vuole sia nata la bevanda; il negozio di Guido Gobino in via Giuseppe Luigi Lagrange, importante mastro cioccolataio; la Pasticceria Stratta in piazza san Carlo; Caffè Mulassano in piazza Castello – che tra l’altro è uno dei caffè storici più belli di tutta Torino; Caffè Torino, sempre in piazza san Carlo; Gelateria Pepino in piazza Carignano.

Entrare nella Real Chiesa di San Lorenzo

Se non sai cosa fare a Torino quando piove, visitare la Real Chiesa di San Lorenzo, massimo esempio di arte barocca della città, si rivelerà un’idea strepitosa.

Proprio in questa chiesa fu ospitata per la prima volta la Sindone, quando il duca Emanuele Filiberto di Savoia la fece traslare nel 1578 dal castello di Chambery. Oggi San Lorenzo è una chiesa poco conosciuta dagli stessi torinesi, nonostante si trovi nella centralissima piazza Castello, a pochi passi dalle attrazioni più importanti della città. Sarà perché non ha una vera e propria facciata? Al momento della sua costruzione, I Savoia presero questa decisione per evitare di snaturare l’architettura della piazza. Non fecero i conti con la cupola però che ancora oggi domina prepotentemente dall’alto e contribuisce a rendere davvero speciale l’intera costruzione.

Entrando nella chiesa rimarrete stupiti dall’ostentato stile Barocco, dalla ricchezza e dall’opulenza voluta da Guarino Guarini che in soli 10 anni portò a termine i lavori.


Info utili: la Real Chiesa di San Lorenzo si trova in via Palazzo di Città 4 ed è aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 8:30 alle 18:30.


Visitare il Museo egizio

museo-egizio-torino

I curiosi dell’arte e della cultura dell’Egitto antico troveranno pane per i loro denti al Museo Egizio di Torino, il museo più antico dedicato alla civiltà nilotica di tutto il mondo.

Il museo si sviluppa in quattro piani: al piano terra la sala Nubiana e il Tempio di Ellesjia, con la Galleria dei Re nel piano sottostante una collezione dedicata alla Storia del Museo. Si prosegue poi al primo piano con la galleria dei Sarcofagi, la papiroteca e varie collezioni che vanno dall’epoca tarda a quella romana, mentre al secondo piano la tomba degli ignoti e quella di Iti e Neferu.


Info utili: prima di visitare il museo, vi consiglio di consultare il sito museoegizio.it.


[Solo per veri tifosi] Andare a vedere il Museo della Juve

Ormai il Museo della Juventus è diventato una vera e propria attrazione turistica quindi sarebbe stato impensabile non introdurlo all’interno di questo articolo. La mostra permanente presente nel museo ripercorre la storia della squadra dalla fondazione del 1897, mentre quella temporanea cambia a seconda della stagione.


Info utili: il J Museum si trova a due passi dallo store della squadra, è aperto nei giorni festivi dalle 10.30 alle 19 e nei feriali fino alle 19.30. Il giorno di chiusura è il martedì. Il prezzo del biglietto intero? 15€.


 

Rispondi