Viaggio nella Penisola Calcidica in Grecia

Viaggio nella Penisola Calcidica in Grecia

postato in: Europa, Grecia | 0

Quando si programmano le vacanze estive si pensa alla Grecia associandola a isole famose e tanto turistiche come Santorini, Creta, Mykonos e Rodi. Ma la Grecia non è solo questo. C’è Atene che spesso viene visitata troppo fugacemente e invece merita di essere scoperta lentamente. E cosa dire di Cefalonia, l’isola a mio avviso più selvaggia di tutte, oppure di Kos, piccolissima ma con tante sfumature? Oggi vorrei aggiungere un nuovo posto meno battuto e proporvi un viaggio nella Penisola Calcidica in Grecia, una delle zone che ho amato fin da subito e che mi ha spinta a ri-sceglierla più volte nel corso degli anni.

Perché andare

penisolacalcidica-spiagge
Vorrei iniziare questo post confidandovi il motivo principale che potrebbe spingervi a organizzare un viaggio nella Penisola Calcidica. Forse qualcosa è già trapelato nell’introduzione ma vorrei ribadire che la Penisola Calcidica è bella e affascinante proprio perché fuori dalle classiche rotte turistiche. Quasi sempre libera dal caos, presenta un territorio – soprattutto Sinthonìa – poco cementificato e permette ai viaggiatori di rilassarsi e godersi al meglio il proprio viaggio in Grecia. Un viaggio naturalistico, se così vogliamo chiamarlo.
In più la Penisola Calcidica è una destinazione molto economica: si dorme in una camera matrimoniale con balcone vista mare a 20€ a persona a notte in alta stagione e si mangia pesce buonissimo a bassissimo prezzo.

Come arrivare

Il primo passo per raggiungere la Penisola Calcidica è quello di prendere l’aereo destinazione Salonicco. Da qui noleggiate un’auto che vi permetterà di muovervi liberamente per tutte le zone più belle della Calcidia. Ma prima… Fatevi una passeggiata a Salonicco, se riuscite prenotate un hotel e rimanete almeno una notte. Salonicco merita una visita se non altro per vedere la sua torre e il lungomare, le testimonianze romane, i mosaici bizantini e i bagni turchi.
La Penisola è molto vicina a Salonicco, tanto che in poco più di un’ora si raggiunge la prima lingua di terra, Kassandra.
Un’ottima alternativa per raggiungerla può essere il pullman ma se meditate di fare più tappe, la macchina è la scelta migliore. Il pullman parte da Salonicco e raggiunge le destinazioni principali della Penisola facendo più fermate. L’indirizzo con cui organizzare i vostri spostamenti in pullman è questo qui -> www.ktel-chalkidikis.gr.

Le 3 dita della Penisola: Kassandra, Sinthonìa e Monte Athos

penisolacalcidica-athos

Se riaprite il cassetto dei ricordi scolastici e andate a cercare il momento in cui in geografia a scuola si è parlato della formazione territoriale della Grecia, ricorderete di sicuro una forma di una mano a 3 dita. Ecco lei è la Penisola Calcidica. Quelle 3 dita altro non sono che le 3 zone di cui è composta la Penisola: sono – a partire da sinistra – Kassandra, Sinthonìa e Monte Athos.

Il bello di queste 3 lingue di terra è che ognuna ha le sue caratteristiche e volendo si possono organizzare 3 diversi tipi di vacanze a seconda della zona scelta. Kassandra ad esempio è la più vivace di tutte e, offrendo una buona ma non stucchevole dose di divertimento serale, è adatta a un viaggio con gli amici; Sinthonìa è la più selvaggia, piena di spiagge lunghe e bianche, perfetta per chi si muove con la famiglia, infine Monte Athos è la parte meno agibile – purtroppo – dove troverete una città e monasteri bizantini belli solo da immaginare perché irraggiungibili da noi donne, destinazione doc per un viaggio mistico e silenzioso nella Penisola Calcidica.

Il mio consiglio è quello di dividere il viaggio in due momenti, programmando 3/5 giorni a Kassandra e 3/5 giorni a Sinthonìa, che vi permettano di girare in lungo e in largo per i suoi paesini caratteristici e le sue spiagge calde. Io durante il viaggio nella Penisola Calcidica in Grecia ho dovuto escludere il Monte Athos.
La Repubblica autonoma e indipendente della Grecia è tutta dedicata a uso esclusivo della chiesa Ortodossa. Chi avrà piacere di avventurarsi sul Monte Athos dovrà richiedere un permesso che durerà appena 4 giorni – ricordate che si rilasciano solo 10 permessi al giorno, quindi muovetevi prima – e potrà girare per i 20 monasteri abitati e la capitale Dafni. Se riuscite scrivetemi: sono curiosa di sapere com’è!

Le spiagge della Penisola Calcidica in Grecia

Sulla questione spiagge c’è solo l’imbarazzo della scelta. La Penisola Calcidica offre molto per gli amanti del mare cristallino e della sabbia bianchissima. Io ho viaggiato nei mesi di giugno e luglio: la gente era pochissima e le spiagge erano semi-deserte. Probabilmente questo è il periodo migliore, insieme a settembre, per programmare la vostra vacanza.

Iniziando da Kassandra vorrei citarvi Possidi e Hanioti: la prima si contraddistingue per la presenza di un faro, mentre la seconda è molto frequentata dai turisti tanto da avere bar e servizi.

A Sinthonìa troverete Armenistic caratterizzata dalle acque blu; Kalamitsi, bella per le sue rocce e la vegetazione che le gira intorno; e Kavourotripes dal mare turchese e piccoli scogli da cui tuffarsi.

Non solo mare: i villaggi da vedere

kallithea-grecia

Oltre a una vacanza tutto mare, sole e spiaggia, potrete vedere i paesi più antichi della Penisola Calcidica che sono Toroni, Sarti e Neos Marmaras. Tra tutti quello che ha attratto la mia attenzione è stato Toroni, una tipica località di mare con ristoranti e bar molto carini. La sua spiaggia è lunga 2 km ed è delimitata dai resti di un castello bizantino.
C’è anche Porto Koufo, un piccolissimo villaggio di pescatori costruito intorno a un’insenatura naturale. Ancora più piccolo è Ormos Panaghias tutto affollato da barche pronte a partire per il Monte Athos e ristoranti ben apparecchiati sul porto.

Anche Kallithea merita una visita. Qui ci spostiamo a Kassandra e se avete voglia passateci per cena. Kallithea ha tanti negozietti e localini tutti da sbirciare e si adatta perfettamente a una passeggiata post-cena.

Rispondi