Viaggio a Varsavia: pillole informative

Viaggio a Varsavia: pillole informative

postato in: Europa, Polonia | 0

“Varsavia si è illusa tante volte nel corso del tempo, spesso è stata tradita dalla sorte, ma si è sempre ripresa, come risvegliandosi da un brutto sogno e ricominciando”. Questa frase, riferita alla capitale della Polonia, letta per caso su Informagiovani è riuscita a smuovermi qualcosa, tanto che ho deciso di organizzare subito il mio viaggio a Varsavia.

Dai racconti di viaggio letti sono sempre rimasta affascinata  dalla descrizione dei sapori che si mescolano in questa città, mix perfetto di tradizione occidentale e orientale. Ma soprattutto mi hanno colpito i diversi stili architettonici di Varsavia, che si possono incontrare passeggiando e che ho visto solo in foto.

Ecco alcune pillole informative che possono essere utili prima di partire per la città!

Dove alloggiare a Varsavia

varsavia-piazza

C’era qualcosa che non mi convinceva tra le tante offerte presenti in rete: tanti alberghi lussuosi, davvero a basso prezzo (il cambio con la moneta polacca conviene), ma tutti stilizzati e monotoni. Allora sono andata su Hostelsclub e proprio qui sono riuscita a scovare tantissimi ostelli a Varsavia.  E ne ho scelto uno che sembrava (ed è risultato!) perfetto.

Si chiama Oki Doki Hostel ed è una sistemazione che unisce il design al rapporto qualità/prezzo. Rispetto ad altri alloggi simili sembra avere un particolare occhio di riguardo verso l’eleganza e l’arredamento, visto che tutte le camere sono personalizzate. Chissà in quale stanza mi capiterà di dormire! Oki Doki si trova ad appena 350 metri dalla stazione della metropolitana e a 20 minuti a piedi dalla Città Vecchia di Varsavia.

Cosa vedere durante il viaggio a Varsavia

Piazza del Mercato e il suo labirinto di vicoli sono davvero pittoreschi e frequentati da artisti. Un tour in città potrebbe iniziare proprio da qui, dal cuore di Varsavia, la sua parte più vecchia, ri-costruita dopo la Seconda Guerra Mondiale e dichiarata Patrimonio dell’Umanità. Proseguirà verso il Castello Reale e la Cattedrale gotica di San Giovanni.

La fortezza Barbacane vi accompagnerà per mano alla scoperta della Città Nuova, che in realtà è stata fino al XVIII secolo una città indipendente. C’è poi il quartiere di Praga, dove vi sembrerà di essere catapultati in un altro paese: questa zona di Varsavia è l’unica ad essere sopravvissuta ai bombardamenti della guerra e oggi vanta tante botteghe di artisti, gallerie, teatri e locali alternativi.

Tra i numerosi musei da vedere c’è quello dedicato al compositore Chopin, il più grande e importante, ottimo per scoprire qualcosa in più sulla sua vita e la sua musica. Divertente sarà soffermarsi almeno un pomeriggio intero nel centro scientifico di Copernico, un museo interattivo, dove il Planetario ha un enorme schermo sferico da cui osservare le stelle. Sarà come tornare bambini: qui tra i 22 mila metri di esposizione si possono effettuare esperimenti di ogni tipo!

Girare per mercati e mercatini

varsavia-natale
Il mio amore per i mercati locali è risaputo. A Varsavia ho scoperto che ce ne sono di ogni tipo e la maggior parte si svolge il fine settimana. C’è il mercato coperto di Mirowska dove c’è davvero di tutto.

La domenica mattina si può andare nella zona di Obozowa, dove troveremo un bel mercatino delle pulci tutto dedicato all’antichità. Mentre sempre di domenica, ancora più interessante, potrebbe essere quello dedicato alle fotocamere e ai suoi accessori, il Photo Market. Un tuffo tra i prodotti enogastronomici? C’è il Bazar Rózyckiego.

Da non dimenticare che chi ha la fortuna di visitare Varsavia a dicembre potrà riscaldarsi tra i mercatini di Natale: il più famoso è quello che si svolge in piazza Wilson, dove tra le casette di legno potrete provare tanti dolcetti, salumi, formaggi e bevande calde.

Cosa assaggiare durante viaggio a Varsavia

Se è vero che la cucina tipica di Varsavia è ricca di zuppe e minestre, ci sono anche tanti altri piatti da provare: per esempio gli gnocchi di patate ripieni di cavolo o i pierogi, dei ravioli ripieno di formaggio, frutta, funghi e tanti altri ingredienti.

Su Viaggiatorilowcost ho letto che esiste una catena di ristoranti tutta dedicata ai periogi: si chiama Zapiecek e si trovano sparsi in tutta la città. Qui si possono assaggiare i pierogi fritti con la famosa birra Tyskie.  Cibi più sostanziosi sono il bigos, lo stufato di carne con cavoli e crauti, pieno di spezie e prugne secche, il golabki, un grande involtino ripieno di cavoli e riso e poi tanti arrosti misti di carne.

E ora… Leggi quali sono le 5 cose da fare a Varsavia!

Rispondi