L’isola di Kos tra cultura, spiagge e acque cristalline

L’isola di Kos tra cultura, spiagge e acque cristalline

postato in: Europa, Grecia | 1

Proprio davanti alla costa turca sorge una delle isole più belle dell’arcipelago greco del Dodecaneso, Kos. La terza isola per grandezza, dopo Rodi e Carpantho, oltre alla variegata offerta culturale permette al visitatore di godere di spiagge incontaminate, acque cristalline e paesini caratteristici, dove riscoprire usanze e costumi della cultura greca.

Ecco qualche consiglio per un viaggio sull’isola, sulle attrazioni turistiche, le spiagge e i posti in cui assaporare la cucina locale.

Come arrivare sull’isola di Kos

E’ sicuramente la prima domanda che ci poniamo, considerato che la maggior parte delle isole greche non ha un aeroporto e spesso il viaggio in traghetto non è così veloce  e pratico. Per fortuna Kos ha un aeroporto proprio.

Dall’Italia si può scegliere tra le compagnie aeree greche, la Olympic Airlines e la Aegean. Una volta atterrati, conviene noleggiare un motorino: con questo sarà senz’altro più facile e divertente muovervi e potrete girare sull’isola velocemente. Se invece siete in famiglia, un’ottima opzione risulta l’affitto di una macchina.

La città di Kos

Merita senz’altro una visita. Sviluppata attorno al porto, caratterizzata da un intricarsi di viuzze sempre colorate e animate, Kos conserva ancora i resti dell’antica Agora, ristorantini rustici nei quali assaggiare la cucina greca e panchine tranquille su cui sostare. Molto interessanti le due moschee di Deftedar e di Hadji Hassan.

grecia-kos-tramonto

Spiagge dell’isola di Kos

L’isola di Kos è capace di soddisfare le esigenze di tutti: da chi viaggia in famiglia e ha bisogno di spiagge attrezzate, a chi ama i sentieri tortuosi per giungere a spiagge solitarie, la scelta delle spiagge è infinita, potrete cambiarne una al giorno o decidere di rimanere in quella che più vi ha copito.

A 30 km da Kos sorge Mastichari, spiaggia sabbiosa e dalle acque azzurre, situata nella parte nord-occidentale dell’isola. Il piccolo porto presente in questa località permette di imbarcarsi direttamente per Pserimos e Kalymnos.

Agios Stefanos è invece una lunga spiaggia dotata di ombrelloni e lettini verso sud-ovest, particolarmente indicata per le famiglie grazie alla presenza di servizi, bar e ristoranti. Therma, dall’insolita sabbia nera, è caratterizzata da acque calde per la presenza di rocce vulcaniche sotto il livello del mare.

Più profonde le acque di Kardamena, una delle spiagge più turistiche della parte meridionale. Dicono sia il luogo ideale per pescare. Oltre al mare in questa località si può godere di ottime taverne e stuzzicanti bar.

Al contrario Agios Teologos è una delle zone meno frequentate, con vista mozzafiato e paesaggio intatto e incontaminato. Armatevi di pazienza e buona volontà: i sentieri per raggiungerla sono alquanto tortuosi. Ma ancora più difficile da raggiungere risulta Cavo Paradiso: ardua da trovare ma stupenda da ammirare. Partendo dalla chiesetta di Aghios Ioannis della città di Kos si può arrivare in circa 30 minuti.

grecia-kos-spiagge

Un salto nella cultura

Lasciandoci alle spalle per una giornata il sole e il mare di questa splendida isola dell’arcipelago del Dodecaneso, prendiamoci una pausa tra i siti archeologici.
Da vedere il tempio di Asclepio, dio della medicina, il Platano d’Ippocrate, sotto il quale, secondo la leggenda il padre della medicina insegnava la suprema arte;  il Castello di Neratzia, costruito dai cavalieri ospitalieri nel II secolo d.C. e quello di Antimachia.

Per gli amanti del benessere tappa obbligata tra Kardamena e Kos, direttamente alle famose Thermes, piscine naturali di acqua sufurea caldissima.

grecia-kos-scaviarcheologici

Mangiare sull’isola di Kos

Tra i piatti della tradizione isolana figura la carne di maiale cucinata in casseruala con riso, le verdure ripiene, il dolce sarsoymades con miele. Tra i prodotti tipici i formaggi come la xinomyzithra e la galomyzithra, mentre il krasotyri è particolarmente speziato.

Tra i ristoranti cito Platnos, situato proprio nel centro storico della città, uno dei più popolari ristoranti di Kos. Vicino alla spiaggia Baltaki c’è Old River, una taverna a conduzione familiare dai piatti veramente gustosi. Veloce ed economico è Avlogyradico, mentre il più antico ristorante dell’isola, attivo dal 1936, è Faliron (o almeno così dicono!).

grecia-kos-taverna

Per una gita fuoriporta

Tra Kos e Rodi, Nissiros, Tilos e Halki sono tre isole vicine, una più bella dell’altra, ben collegate tra loro. Numerosi i traghetti che partono da Kos verso le tre isole.
Nonostante la facilità di raggiungerle, queste terre risultano mete abbastanza defilate: qui non troverete resort di lusso e alberghi a 5 stelle, ne tanto meno locali alla moda e ristorantini chic.

Forse è proprio il fascino di questo spazio ad attirare il turista meno convenzionale: l’Egeo mostra qui la sua faccia più rustica tra i paesini tradizionali e i borghi antichi, le spiagge tranquille e isolate, l’atmosfera rurale, i percorsi trekking a non finire. L’isola vulcanica di Nissiros merita una tappa solo per lo spettacolo della sua caldera.


Ps. Un’altra isola della Grecia davvero meravigliosa? Cefalonia! Ecco il mio viaggio a Cefalonia.

Una risposta

  1. anche questo articolo é veramente molto bello! Grazie per tutti i informazioni davvero interessanti! Mi piace tanto l’isola di Kos 🙂

Rispondi