I dintorni di Cattolica: uno sguardo sulle colline e i borghi

I dintorni di Cattolica: uno sguardo sulle colline e i borghi

postato in: Emilia Romagna, Italia | 0

A due passi dal litorale di Cattolica si svela in tutta la sua bellezza più intima la realtà di un entroterra dagli splendidi borghi arroccati sul mare.

La Regina dell’Adriatico, amata dai turisti per il lungomare dorato, soffice ed attrezzato di tutto punto, è straordinariamente vicina ad un mondo dai tratti rurali,  in grado di lasciare letteralmente senza fiato alla vista d’un panorama da vivere a piccoli sorsi.

Ad emergere è la bellezza di un territorio incontaminato, intriso di storia, cultura e leggenda. Uno spazio lussureggiante, in grado di regalare pace e serenità nell’attimo stesso in cui si decide di lasciar vagare lo sguardo fra colline d’un verde intenso ed antichi borghi medievali.

L’eco dei passi si staglia deciso nell’aria camminando nelle viuzze degli agglomerati storici, racchiusi da mura millenarie e guardati a vista da torri d’epoca e castelli che portano a noi intatte le storie di un passato ancora palpitante.
Al turista non resta che l’imbarazzo della scelta per conoscere più da vicino un patrimonio storico e culturale decisamente ricco e conservato con passione.

Gradara, il borgo di paolo e francesca

La storia si fonde alla tradizione anche in fatto di gastronomia e le prelibatezze culinarie sono in grado di soddisfare anche i palati più esigenti. A soli 6 km dal litorale è possibile visitare il borgo di Gradara, dove si erge fiera la spettacolare rocca  malatestiana. Custodito da alte mura il borgo si snoda fra stradine e atmosfere intense, mentre la storia narra il dramma di Paolo e Francesca e del loro amore, vissuto intensamente proprio in questo scenario.

Il borgo di Gradara, che sorge su un colle a 142 m sul livello del mare, è considerato uno dei più belli e ben conservati del nostro Paese e propone durante tutto il periodo dell’anno un ricco carnet di iniziative ed eventi.

Mondaino tra leggenda e mistero

mondaino

Incantevole l’atmosfera che si respira a Mondaino, il borgo collocato a circa 18 km dal centro di Cattolica. Punto focale la rocca dei Malatesta.

La nascita del centro risale con tutta probabilità al tempo degli etruschi mentre il nome, che trarrebbe spunto dai daini, un tempo presenti nei boschi che circondano la zona, vanta tratti leggendari.

La storia del borgo, fra mito e realtà, riporta a Diana, la dea della caccia. Fra storia e leggenda anche il camminamento, collocato sotto il paese, del quale si narrano storie intrise di mistero.

Chi visita il borgo di Mondaino può decidere di conoscere un po’ più da vicino il  Museo Paleontologico e, ad agosto, partecipare al Palio del Daino, rievocazione medievale di grande impatto scenografico.

il castello di montegridolfo e la sua porta

Da Cattolica è facile raggiungere il castello di Montegridolfo, nato fra ampie mura che lo difendevano dagli attacchi nemici. Ad abitarlo in passato erano prevalentemente artigiani ed agricoltori. L’edificio risale al 1148 ed ha conservato i dettagli medievali ed una bellissima porta che conduce direttamente al borgo cinquecentesco.

tra le vie e i palazzi di Saludecio

saludecio

Spingendosi a circa 16 km dalla costa ci si imbatte nel borgo di Saludecio, caratterizzato dalla presenza del castello omonimo, eretto fra il XII e il XV secolo ed oggetto di uno scontro epico fra i Malatesti e i Montefeltro.

Bellissima e di grande pregio la porta Marina, realizzata all’epoca di Sigismondo Pandolfo Malatesta. Il borgo ha un centro storico caratterizzato dalla presenza di vie e palazzi straordinariamente caratteristici e di interessante bellezza.

Da Saludecio si possono raggiungere in breve tempo i borghi rurali fortificati di Meleto, con vista sul mare e Cerreto, che allunga lo sguardo verso i monti.

il granaio dei malatesti: san giovanni in marignano

 

sgiovanni

Spostandosi a 4 km da Cattolica si può decidere di visitare San Giovanni in Marignano, vanto del settore agricolo. La storia lo porta sino a noi con un nome significativo il  “granaio dei Malatesti” ed una caratteristica ovvero la  presenza di un ampio numero di granai sotterranei.

Chi decide di visitare lo splendido entroterra può scegliere di pernottare in riviera. Tanti gli hotel a Cattolica, con soluzioni ideali per ogni esigenza ed un imbattibile rapporto qualità/prezzo 🙂

Rispondi